Specchio, specchio delle mie brame….

Vi chiederete senz’altro perchè citiamo la fiaba di “Biancaneve ed i sette nani” che i fratelli Grimm vollero lasciare scritta, insieme a molte altre, dopo aver raccolto la tradizione orale che le aveva diffuse in Germania. Semplicemente, valutiamo insieme che impressioni suscitò in Quasimodo questa suppellettile in apparenza prettamente femminile. Dedichiamo la lettura di questa poesia alla primavera appena sbocciata. … Continua a leggere

Parole tronche, piane, sdrucciole

Vi ricordate la divisione in sillabe e la regola degli accenti? La parola “cit-tà” porta l’accento sull’ultima sillaba ed è detta per questo “tronca”. Il sostantivo “pàl-co” è accentato sulla penultima sillaba e viene detto, per questo motivo, “piano”. L’aggettivo  “dì-sco-lo” è accentato sulla terzultima sillaba e viene detto “sdrucciolo”. Pertanto tratteremo di un poeta siciliano che mutò il proprio … Continua a leggere

Il gobbo di Notre-Dame

Avete mai visto il cartone animato Disney ” Il gobbo di Notre-Dame” liberamente tratto dall’opera del francese Victor Hugo? Nonostante il film sia stato realizzato a computer, ci piacque molto. Vi ricordate il nome del protagonista? E’ importante perche’ ci da’ lo spunto per intitolare il prossimo tema di cui parleremo, dirigendoci dalla Francia in Sicilia….

Cari lettori,

pensiamo che ci sia qualcuno, tra voi, che si sarà chiesto perchè abbiamo deciso di scomodare il “sommo poeta” per nominare il nostro blog. Il titolo del nostro diario virtuale vuole infatti essere evocativo e richiamare l’attenzione sul contenuto perspicuamente letterario di questo florilegio di brani poetici e prosastici che non hanno avuto larga diffusione nelle antologie scolastiche tradizionali. Quindi abbiamo … Continua a leggere