Osteria “La rama”

Bene, prendiamo ora spunto dalle insegne che notiamo lungo le strade per assaporare il capolavoro dell’ottocento romantico italiano: i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Per introdurvi a questo romanzo, godiamoci insieme la descrizione che egli tratteggia di Lucia nel terzo capitolo del libro:

“Qui ricomparve Lucia, col grembiule così carico di noci,che lo reggeva a fatica, tenendone le due cocche in alto, con le braccia tese ed allungate. Mentre fra Galdino, levatasi di nuovo la bisaccia, la metteva giù, e ne scioglieva la bocca per introdurvi l’abbondante elemosina, la madre fece un volto attonito e severo a Lucia, per la sua prodigalità: ma Lucia le diede un’occhiata, che voleva dire: mi giustificherò.”

Ora spostiamo l’attenzione su Renzo, che ormai, dopo il fallito tentativo di sposare Lucia, si è recato da solo a Milano.

“Ed entrò in un usciaccio, sopra il quale pendeva l’insegna della luna piena.”Bene vi condurrò qui, giacchè vi piace così” disse lo sconosciuto; e gli andò dietro.

“Non occorre che vi incomodiate di più” rispose Renzo. “Però”, soggiunse, ” se venite  a bere un bicchiere con me, mi fate piacere”.

“Accetterò le vostre grazie” rispose colui, e andò, come più pratico del luogo, innanzi a Renzo, per un cortiletto; s’accostò all’uscio che metteva in cucina, alzò il saliscendi, aprì e v’entrò col suo compagno. Due lumi a mano, pendenti da due pertiche  attaccate alla trave del palco, vi spandevano una mezza luce. Molta gente era seduta, non però in ozio, su due panche, di qua e di là d’una tavola stretta e lunga, che teneva quasi tutta una parte della stanza : a intervalli tovaglie e piatti; a intervalli, carte voltate e rivoltate, dadi buttati e raccolti; fiaschi e bicchieri per tutto.

Continuiamo a seguire Renzo nel suo tragitto verso Gorgonzola:

“Mentre cerca la maniera di pescar tutte quelle notizie, senza dar sospetto, vede pendere una frasca da una casuccia solitaria, fuori d’un paesello. DA qualche tempo, sentiva anche il bisogno di ristorar le sue forze; pensò che lì sarebbe il luogo di fare due servizi in una volta, entrò. Non c’era che una vecchia, con la rocca al fianco e col fuso in mano.

Precedente Tutte le strade portano a Roma Successivo Dedicato all'estate